GARMIN VECTOR - IL TEST giorno per giorno

Per gentile disponibilità di Garmin Italia avrò a disposizione in prova nei prossimi giorni il misuratore di potenza più atteso degli ultimi anni, ossia i pedali Garmin Vector.
La storia di questi pedali, da me sempre attentamente analizzata e seguita con interesse è stata tormentata, con alcuni annunci e poi ritardi nel lancio del prodotto. Più volte visto nelle varie fiere del settore degli ultimi anni, specie ad Interbike, si è ritagliato un enorme interesse perché rappresenta il primo modello di misuratore di potenza ANT+ compatibile integrato nei pedali stessi. Questo ha sicuramente comportato una serie di difficoltà tecniche nella fase di sviluppo del prodotto ma offre notevoli possibilità nell'analisi della pedalata che, fin'ora, era possibile solamente mediante strumentazione non adatta o pensata per l'utilizzo outdoor.
Nei prossimi giorni e con report quotidiano esprimerò il mio parere sul prodotto, rispondendo in questa pagina e riportando poi le domande più rilevanti di seguito in questo "full time test".


DAY 0, l'arrivo e l'unboxing

Apertura della scatola, sobria, elegante ed essenziale, un buon inizio!










La tacchette fornite non sono delle Look ma delle Exustar, ovviamente compatibili Look Keo ossia lo standard utilizzato d questi pedali Garmin; Exustar è anche il produttore del corpo pedale.



La microUSB ANT+ con cui comunicare con i pedali mediante il software dedicato (prova, ovviamente, nei prossimi giorni).























Prime impressioni dopo il montaggio (eseguito in 4'16''... sì mi sono cronometrato) estremamente positive, tutto è relativamente semplice e ben illustrato. Da domani li proverò sia in combinata con altro misuratore che senza. Entrambe le guarniture, per ridurre ogni potenziale differenza sono identiche (SRAM S900).

Update 1 Day0
Pairing avvenuto velocemente, unico piccolo inconveniente da 5' una batteria era scarica (2.88V). Sostituita, sempre con un pò di apprensione considerando che il tutto è solo in prestito.
Pairing doppio (così da ricavare anche il numero del device e inserirlo manualmente nel Garmin) ossia in contemporanea avendo sotto controllo sia un altro sensore (power2max) che i pedali sfruttando l'ottimo pannello TRAIN di Goldencheetah...adesso provo a fare 2' sui roller per vedere se tutto è attivo.



DAY 1, installazione, verifiche e prima uscita


Mi ricollego all'ultimo update per completare l'argomento installazione. Il processo è relativamente semplice, sicuramente un pò più semplice per chi ha esperienza pratica nella manutenzione/installazione di componenti sulla propria bicicletta. E' presente una guida illustrata che speiga i passi basilari per montare i pedali e le componenti necessarie per il tutto (rondelle e pod). 
Primo elemento i pod non sono vincolati ad una posizione, indipendentemente da come vengono installati infatti uno fa da ponte all'altro per inviare poi lo stream dati ANT+ alla console utilizzata.
Il dubbio presente anche nelle FAQ è che si devono maneggiare piccole componenti (rondelle, pod) e che una sostituzione in toto della guarnitura, se essa richiede pochi passaggi (es Shimano e SRAM) permette a) un passaggio di pedali (+guarnitura) su altro mezzo in tempi uguali a quelli della sostituzione dei pedali stessi ma soprattutto b) il non dover agire su questi componenti che comunque sono, dal mio punto di vista (forse accentuato dall'avere i pedali in "prestito"!) da maneggiare con estrame cura. Non ci sono elementi che all'apparenza sembrano particolarmente delicati, escludendo forse la linguetta di collegamento tra pod e perno pedale.
Ho provato varie combinazioni, considerando che almeno 1 rondella tra pedivella e pod è necessaria ma, come scritto anche da DCRAINMAKER (vd riferimenti a fondo pagina), più rondelle e "spacers" si riescono a inserire e meglio è, poi vediamo perchè.
Ho provato inizialmente con 2 rondelle ma evidentemente c'erano delel difficoltà d i contatto tra connettori/linguette pod e perno, il tutto è rientrato nella normalità (= entrambe i pedali riconosciuto dalla console) una volta utilizzata una sola rondella. Questo setup (= 1 rondella) è il minimo per avere una situazione ideale e consigliata da manuale.
L'installazione, effettuata più volte e cronometrata, ha richiesto sempre un numero di minuti compreso tra 4 e massimo 5.
Non ho utilizzato (per ora) una chiave dinamometrica (richiede anche una chiave a zampa di gallo che al momento non ho) ma un serraggio deciso è stato necessario, diversamente i valori di potenza erano PALESEMENTE sottostimati se non nulli. Avendo smontato decine di pedali questo può essere probabilmente fatto a "sensazione" con la dovuta sensibilità/esperienza, in ogni caso la coppia di serraggio necessaria è di 34-40 Nm.
Alcuni elementi/fattori limitanti nelle dimensioni per poter installare i pedali:

Con il massimo rapporto deve esserci una "Luce" di almeno 5 mm tra catena e sporgenza posteriore di innesto della "linguetta" di collegamento tra pod e perno


Altezza pedivella, non superiore a 38mm per permettere l'alloggiamento dei pod


Spessore pedivella, non superiore a 15mm









La fase successiva è stato il pairing con la console, avvenuto istantaneamente una volta ridotto il numero di rondelle da 2 a 1, probabilmente per una mancanza di contatto completo tra pod e perno. Ho provato anche un doppio pairing (power2max e Vector) via Goldencheetah e tutto è avvenuto senza alcun intoppo. Questa procedura è stata funzionale all'ottenere i codici identificativi dei 2 sensori e poter inserire manualmente uno nella seconda console (se la console vede 2 sensori segnala la presenza di questo fatto ma non procede ad un pairing).

Alcune immagini sul (doppio) pairing
 


Effettuata l'installazione si passa allo step successivo che consiste in 3(+1) passaggi:
1) Inserimento lunghezza pedivelle (Garmin 510 e 810)
2) Determinare l'angolo di installazione



3a) Calibrazione statica manuale
3b) Calibrazione dinamica/pedalando all'indietro



Solamente i punti 3a e 3b (opzionale ma...importante!!) sono da effettuare ad ogni uscita mentre i primi 2 sono necessari al primo montaggio (o installazione su altra bicicletta).

Per il passaggio 1) faccio riferimento al manuale , non c'è nulla di complicato. N.B. se non viene inserito alcun valore viene effettuato un calcolo automatico per determinare la lunghezza della pedivella.
Il punto 2 richiede di pedalare fino a raggiungere 80-90 rpm, il tutto viene guidato da display. Consiglio di svolgere questo passaggio su roller/rullo o in spazi adiacenti che permettano di pedalare consistentemente per almeno 100-200m.
Il tutto, punto 1+2, richiede dai 3 ai 5'.
Il punto 3a, consigliato come per ogni misuratore di potenza, è una calibrazione statica e manuale con pedivelle in posizione orizzontale. Sul display appare un valore di coppia torcente che dopo pochi secondi tenderà allo 0.
Il punto 3b, interessante perché viene visualizzata conferma sul display (provato con il 510) permette un'ulteriore riduzione di eventuali errori strumentali andando semplicemente a pedalare all'indietro per 5 o più pedalate. Sarebbe ottimale che Garmin permettesse un "bookmark" o una specie di avviso consultabile poi in sede di analisi dati per valutare se e quando questo processo è stato svolto.
Tutto fatto e pronti a partire! La procedura in sé è semplice e, come per ogni strumento di questa tipologia, dati affidabili e congruenti con la performance prodotta sono strettamente legati al "sacrificare" 1' per la calibrazione manuale e qualche pedalata indietro per assestare tale valore.

La prima uscita.
Avendo a disposizione 90' circa oggi ho voluto provare "tutto e subito" ossia inserire 14-15' in salita molto discontinua (per ottenere un elevato valore VI) in modalità KOMCG (gli atleti che seguo sanno di che sto parlando!). A seguire dei tratti in prevalenza di Z2 e qualche tratto su porfido mediamente irregolare. Il tutto registrando i dati sia da power2max (tarato da pochissime settimane in casa madre) che ovviamente con i pedali Garmin. Un raffronto puramente indicativo considerando le differenti posizioni in cui sono situati i sensori ma utile per verificare eventuali discrepanze e differenze.


Bicicletta e setup utilizzato, Garmin 800 associato a power2max e Garmin 510 associato a pedali Garmin Vector


ANALISI USCITA e PRIME IMPRESSIONI/VALUTAZIONI


Comparazione valore cadenza tra Vector (BLU) e p2m (ROSSO), nessuna apprezzabile differenza se non in alcune fasi in discesa. In due casi (26' e 66') ho effettuato 5 pedalate all'indietro per effettuare una calibrazione "dinamica".
 

Comparazione dato potenza tra Vector (BLU) e p2m (ROSSO) anche in questo ambito non ci sono macroscopiche differenze. Senza sorpresa i valori di picco registrati dai pedali sono ripetutamente ma in misura costante superiori ai picchi rilevati dalla guarnitura, ciò che è rilevante (in positivo) è l'andamento pressoché parallelo dei tracciati anche nelle fasi più variabili per quanto riguarda la potenza/forze applicate, ossia la prima salita e il tratto vallonato tra ~60 e 75'.

La salita: dicevo una salita con pendenze incostanti, presente anche una discesa per valutare l'andamento del successivo rilancio e fase di rientro su ritmi submassimali compatibili però alla durata necessaria per il completamento del tratto stesso.

Delta
- potenza media e NP +1W (p2m)
- picco potenza +68W (Garmin)
- valori TSS, IV, cadenza medesimi per entrambe gli strumenti
- i valori riferiti ai CP di riferimento sono tendenzialmente consistenti e congruenti con i valori precedentemente sottolineati.

Unica vera discrepanza il valore di bilanciamento che, ricordo, è solamente una STIMA effettuata da p2m mentre è un valore effettivamente misurato su entrambe i pedali (che agiscono come se fossero 2 distinti misuratori):
Vector 50.6% (L/R) vs. p2m 45.6%
Morale? Come più volte espresso reputo che il valore di bilanciamento fin'ora visualizzato come STIMA di calcolo tra differenza potenza 180+180° ha generato solo un problema dove il problema non sussiste. ( Solamente) ora con il prodotto Garmin è effettivamente possibile approfondire questo aspetto e tema sempre però considerando che un valore % di bilanciamento è un quadro incompleto dell'azione di pedalata (che può essere compensata, concetto e paradigma ben differente dall'essere "bilanciata"). Futuri e programmati "metrics" di analisi dell'efficienza di pedalata saranno un passo importante per uscire dal problema_non_problema rappresentato dal solo parametro "bilanciamento".

Valutazioni personali dopo il primo giorno
La prima impressione è decisamente positiva con una votazione in decimi nell'ordine del 8.5-9/10.
Partendo dal pedale in sé, uno dei componenti su cui sono particolarmente pignolo (ne cambio di diversi modelli, anche durante l'anno ,perché non c'è mai effettivamente un pedale che mi soddisfa!) devo dire che l'impressione, venendo già da altri modelli Exustar (il precedente modello E-PR2 che era anche il designato nei "prototipi" Garmin) è più che buona, molto solida la sensazione di spinta e appoggio sicuramente ben coadiuvata dalla piastra su cui ha buona superficie di contatto la tacchetta.
Venendo agli aspetti più pratici, ecco, questi potrebbero inizialmente mettere in soggezione gli utenti meno avvezzi con chiavi e coppie di serraggio (a meno che ci si avvalga di un meccanico per l'assistenza e il montaggio), ma superate le prime remore e dubbi penso che sia un'operazione ampiamente fattibile dalla maggior parte degli utenti: è un operazione in sé molto semplice con l'accortezza di porre attenzione agli elementi di montaggio (rondella/e, pods) e coppia di serraggio adeguata. In tal senso una dinamometrica associata ad una chiave 15mm a zampa di gallo è sicuramente la soluzione ideale e, come rimarcato anche da DCRAINMAKER, sarebbe sicuramente ottimale inserire questo attrezzo/chiave nel set incluso nei pedali.
I protocolli di calibrazione hanno dei passaggi ulteriori rispetto al classico "pair&go" di altri strumenti ma va sempre ricordato come la calibrazione manuale prima di partire (suggerisco con pedivelle in posizione orizzontale, ho notato delle difficoltà ad arrivare ad un perfetto 0 di coppia torcente in altre posizioni) è quanto meno il primo passaggio e fondamento per avere dei dati attendibili nel tempo. Nessuno userebbe una bilancia senza controllare l'effettivo 0 di partenza e lo stesso principio si applica ai misuratori di potenza. Non va mai dato per scontato l'autozero/calibrazione manuale (a volte e in alcune situazioni non avviene); positiva in tal senso quindi la possibilità di inserire una calibrazione dinamica con avviso e conferma visiva/acustica di avvenuta procedura.
Dopo il D1 tutto quindi procede bene, in attesa di altre prove.


 DAY 2, test a VI costante, test differenze bilanciamento su II salita
Oggi un'uscita che volevo inserire da un pò di tempo ossia un tratto costante per Indice di Variabilità (VI) e successivamente una seconda salita con cambio di ritmo dopo ~50% percorso. Con la possibilità ora di apprezzare un reale e misurato (= non stimato) livello di bilanciamento della pedalata in stato di affaticamento.

Dal generale al particolare.
I grafici e i dati dell'uscita secondo i 2 misuratori a confronto.
Garmin Edge 510 + Garmin Vector



Totals

Duration:2:42:40
Time Riding:2:40:57
Distance (km):78.56
Work (kJ):1991
Elevation Gain (meters):1343

Averages

Speed (kph):29.8
Power (watts):204
Heart Rate (bpm):150
Cadence (rpm):75
Temp (C):15.8

Maximums

Speed (kph):59.0
Power (watts):555
Heartrate (bpm):191
Cadence (rpm):116
Temp (C):21.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):386
5 min Peak Power (watts):359
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):70
20 min Peak Power (watts):323
30 min Peak WPK (wpk):5.0
IF:0.832
Left/Right Balance (%):51.1
NP (watts):262
TSS:188
L1 Time in Zone:56:18
L2 Time in Zone:24:48
L3 Time in Zone:28:43
L4 Time in Zone:30:14
L5 Time in Zone:17:20
L6 Time in Zone:04:52
L7 Time in Zone:00:16
VI:1.284


Garmin Edge 800 + p2m


Totals

Duration:2:42:55
Time Riding:2:40:59
Distance (km):78.41
Work (kJ):1947
Elevation Gain (meters):1335

Averages

Speed (kph):29.6
Power (watts):199
Heart Rate (bpm):150
Cadence (rpm):77
Temp (C):18.0

Maximums

Speed (kph):69.6
Power (watts):528
Heartrate (bpm):191
Cadence (rpm):111
Temp (C):22.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):396
5 min Peak Power (watts):356
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):69
20 min Peak Power (watts):315
30 min Peak WPK (wpk):4.8
IF:0.815
Left/Right Balance (%):49.8
NP (watts):257
TSS:180
L1 Time in Zone:58:42
L2 Time in Zone:25:50
L3 Time in Zone:30:23
L4 Time in Zone:29:05
L5 Time in Zone:14:32
L6 Time in Zone:04:17
L7 Time in Zone:00:06
VI:1.289

























Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)

 
Salita Edolo-Aprica, il dettaglio dati+grafico (compresa distribuzione potenza sx-dx)

Vector:

p2m: 





"Salita" discontinua ma affrontata con l'intento, raggiunto, di mantenere un VI prossimo all' 1.0 cercando quindi di assecondare e adeguare intensità/potenza rispetto alle esigenze di percorso e finale tendenzialmente più impegnativo e oggi controvento. Qui si notano alcune differenze tra gli strumenti, tutte però giustificate da quanto scritto in precedenza. Da notare che una differenza nella gestione del dato potenza in assenza di GPS (2 nuove gallerie in direzione Aprica) può aver sicuramente acuito queste differenze. Non si nota però nulla di anomalo.


Seconda salita, il dettaglio dati+grafico (compresa distribuzione potenza sx-dx)
  
Vector:

p2m:
Qui l'intento è stato il valutare 1) una differenza tra prima metà salita affrontata in completo controllo fino alla discesa/falsopiano e 2) cambio di ritmo finale in stato di affaticamento post Aprica arrivando a questo punto infatti, come previsto, ad un cambio ritmo allo  "scoccare" dei 150 TSS e con IF di 0.83 (nonostante l'abbondante fase di ritorno in discesa/falsopiano).
Qui oltre alla notevole variabilità delle pendenze e conseguente incremento della "stocasticità" e andamento frastagliato del valore potenza (più di 20 "affondi" in Z6 in 16') affiora una tendenza ad uno sbilanciamento nella pedalata, elemento però eccessivamente esacerbato dalla stima fatta da p2m, il valore registrato da Garmin Vector (che agisce a tutti gli effetti come un doppio misuratore di potenza, uno per pedale) è sicuramente più veritiero e reale.

Di seguito, come quadro generale e riassuntivo le differenze nel profilo potenza nella medesima uscita:
Vector:
 
p2m:

Prima di passare al Day3 ecco un video interessante:





DAY3, breve uscita, cosa accade senza calibrazione?
Sottotitolo, perché la calibrazione/autozero E' importante


video già linkato in precedenza (ma... repetita iuvant)




Oggi una prova "per assurdo" ossia per valutare come si comporta o come si discosta il valore letto e registrato dai pedali Vector rispetto allo strumento utilizzato come riferimento per la comparazione.
Prima di procedere -e rispondendo ad alcuni quesiti- è doveroso considerare che:
- un misuratore di potenza è sempre associato ad una console e, può sembrare strano ma, possono esserci discrepanze (di alcuni watt) anche tra uno stesso/singolo misuratore associato a 2 console. Questo avviene per vari motivi tecnici (che non è il caso di approfondire ora) ma solo per ribadire e ricordare che la differenza di pochi W può essere innanzitutto basata su queste piccole, ma non secondarie, implicazioni.
- Non utilizzo il misuratore di confronto come golden standard ma semplicemente per avere un raffronto tra le TENDENZE dei valori riscontrati. In questo (e con medesime conclusioni e differenze tra sistemi di misurazione e locazione) il mio test è in totale armonia con quanto riportato da DCRAINMAKER.
- Non è quindi sensato fare un raffronto "spaccando" il watt e non è questo lo scopo delle mie prove. Avrei potuto semplicemente procedere all'uso dei pedali senza alcun altro riferimento e semplificarmi la vita; lo scopo di una comparazione è sul trend e comportamento tra 2 misuratori, di cui uno nuovo e l'altro con cui ho esperienza da più anni. Raffrontare andamenti, picchi, comportamento nelle fasi a 0 rpm, velocità di risposta, latenze è sicuramente più utile (e sensato) che contare col pallottoliere x watt di differenza su un medesimo tratto.
- La precisione di un misuratore è sempre dichiarata e se è del 2% si intende del +/-2% = 4% (Tabella con riferimenti). Il che vuol dire che se un tratto è effettivamente percorso ad una potenza di 300W, è NORMALE per margine di errore strumentale un valore compreso tra 300 +/-6 W (=ossia un delta di 12W).
- La precisione di uno strumento è legata ad un passaggio che, il più volte citato DCRAINMAKER afferma come il 90% degli utilizzatori di un misuratore di potenza non fa, per pura negligenza...ossia l'autozero/calibrazione iniziale. Probabilmente è una stima pessimistica, ma non escludo che una buona metà degli utilizzatori di misuratore/i di potenza o non sa cos'è l'autozero o, pur sapendo cosa rappresenta, applica totale negligenza.
Oggi ho proprio fatto questo ossia sono partito saltando la classica routine di configurazione iniziale.
Tale routine che, ripeto, oggi ho saltato consiste nel:
- lasciare qualche minuto, mentre ci si prepara, il mezzo a temperatura ambiente, questo è importante se lo sbalzo termico tra dov'era la bicicletta e l'esterno è sensibile..perché sensibile è anche ogni misuratore di potenza (alcuni più, es power2max, altri molto meno, es. Powertap).
- procedere ad autozero/calibrazione manuale, in questo caso con la procedura, molte semplice, indicata in precedenza ed evidenziata anche nei video ufficiali del canale YouTube di Garmin
- procedere a calibrazione dinamica una volta in sella, questo passaggio è peculiare e specifico per i pedali Garmin Vector.

Sono quindi partito per l'uscita saltando totalmente sia autozero che calibrazione dinamica durante l'allenamento, il risultato è l'aver ottenuto valori incostanti rispetto al trend delle precedenti uscite:

Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)




Come evidente gli andamenti sono ancora simili ma in valore opposto in termini numerici   rispetto alle consistenti prove fin'ora effettuate con la classica e ESSENZIALE procedura di calibrazione.
Non applicare autozero - calibrazione/i è l'equivalente di misurare il peso di un oggetto senza controllare che lo zero della bilancia sia effettivamente tale. Considerando che i misuratori di potenza hanno una sensibilità particolarmente elevata è facile comprendere come questa negligenza porti ad una possibile archiviazione di dati inconsistenti o non correlabili tra loro.


Garmin Edge 510 + Garmin Vector
Totals
Duration:2:11:00
Time Riding:2:03:15
Distance (km):56.62
Work (kJ):1259


Averages
Speed (kph):27.5
Power (watts):162
Heart Rate (bpm):136
Cadence (rpm):73
Temp (C):12.0
Maximums
Speed (kph):53.8
Power (watts):702
Heartrate (bpm):193
Cadence (rpm):134
Temp (C):15.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):410
5 min Peak Power (watts):357
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):69
20 min Peak Power (watts):281
30 min Peak WPK (wpk):3.5
IF:0.747
Left/Right Balance (%):53.4
NP (watts):235
TSS:120
L1 Time in Zone:1:03:03
L2 Time in Zone:24:17
L3 Time in Zone:18:13
L4 Time in Zone:12:55
L5 Time in Zone:05:36
L6 Time in Zone:04:12
L7 Time in Zone:00:54
VI:1.448



Garmin Edge 800 + p2m
Totals
Duration:2:10:58
Time Riding:2:03:14
Distance (km):55.67
Work (kJ):1320


Averages
Speed (kph):27.2
Power (watts):171
Heart Rate (bpm):136
Cadence (rpm):75
Temp (C):13.7
Maximums
Speed (kph):74.1
Power (watts):639
Heartrate (bpm):193
Cadence (rpm):108
Temp (C):15.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):432
5 min Peak Power (watts):373
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):72
20 min Peak Power (watts):295
30 min Peak WPK (wpk):3.6
IF:0.776
Left/Right Balance (%):50.9
NP (watts):244
TSS:129
L1 Time in Zone:59:34
L2 Time in Zone:23:53
L3 Time in Zone:19:07
L4 Time in Zone:14:10
L5 Time in Zone:05:59
L6 Time in Zone:05:10
L7 Time in Zone:01:00
VI:1.432
DAY4, breve uscita blanda in Z1/2. Calibrazione= rientro alla normalità dei trend
Uscita mattutina in considerazione che poi tutta la giornata fino a sera inoltrata è impiegata per mail e  lavoro.
L'uscita non ha previsto particolari prove o "esperimenti", tutto, fin dalla partenza, è stata fatto secondo criterio, ossia con calibrazione/zeroing iniziale.

Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)


Garmin Edge 510 + Garmin Vector
Totals
Duration:57:36
Time Riding:57:16
Distance (km):27.21
Work (kJ):562
Elevation Gain (meters):147
Averages
Speed (kph):28.5
Power (watts):163


Cadence (rpm):74
Temp (C):11.7
Maximums
Speed (kph):47.9
Power (watts):512


Cadence (rpm):111
Temp (C):16.0
Metrics*


5 min Peak Power (watts):253


20 min Peak Power (watts):211
30 min Peak WPK (wpk):2.9
IF:0.613
Left/Right Balance (%):52.3
NP (watts):193
TSS:36
L1 Time in Zone:29:25
L2 Time in Zone:16:25
L3 Time in Zone:07:39
L4 Time in Zone:03:10
L5 Time in Zone:00:46
L6 Time in Zone:00:10
L7 Time in Zone:00:01
VI:1.187


Garmin Edge 800 + p2m
Totals
Duration:57:39
Time Riding:57:19
Distance (km):27.18
Work (kJ):559
Elevation Gain (meters):109
Averages
Speed (kph):28.5
Power (watts):161


Cadence (rpm):75
Temp (C):12.3
Maximums
Speed (kph):48.9
Power (watts):418


Cadence (rpm):111
Temp (C):15.0
Metrics*


5 min Peak Power (watts):250


20 min Peak Power (watts):210
30 min Peak WPK (wpk):2.9
IF:0.610
Left/Right Balance (%):50.4
NP (watts):192
TSS:36
L1 Time in Zone:30:10
L2 Time in Zone:16:31
L3 Time in Zone:06:58
L4 Time in Zone:03:14
L5 Time in Zone:00:38
L6 Time in Zone:00:08
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.191





 DAY4, pioggia= tempo di rulli, anzi di roller. Trasposizione guarnitura su altra bicicletta




 Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)


Commento: seduta indoor, nello specifico con roller e unità frenante (Kreitler). Una situazione che può mettere - e concretamente mette spesso- in difficoltà questa tipologia di strumenti per 1) incremento di temperatura/umidità in un ambiente ristretto ma soprattutto 2) per la mancanza di discontinuità nella pedalata, ossia, l'autozero, se previsto dallo strumento, non può avvenire.
Al minuto 23' ho inserito una calibrazione dinamica (5-8 pedalate all'indietro) per i Vector; ovviamente in partenza, prima di cominciare la seduta, avevo fatto la procedura di calibrazione manuale per entrambe gli strumenti.
Non vi è modo di sapere se il valore ppm del p2m si sia "autocorretto" durante la seduta e/o al minuto 23' (si veda premessa iniziale: sarebbe veramente utile in fase di analisi dati avere la possibilità si sapere se, quando e con quale entità si è autocorretto il riferimento "0").
Sicuramente è avvenuto una correzione, più sensibile rispetto a quanto avvenuto per il tracciato rosso (vd. differenza tra picco negativo e 0 in asse y tra i 2 tracciati). Ciò ha portato ad una tendenza ancora di leggero valore superiore per i Vector ma con un delta rispetto ad altro misuratore decisamente più in linea con quanto osservato rispetto alle precedenti uscite.
Sicuramente è utile ricordarsi quindi di svolgere anche calibrazione dinamica (in precedenza punto 3b) per avere un dato quanto più reale e costante possibile.


Garmin Edge 510 + Garmin Vector
Totals
Duration:45:26




Work (kJ):647
Elevation Gain (meters):0
Averages


Power (watts):237
Heart Rate (bpm):141
Cadence (rpm):74
Temp (C):17.1
Maximums


Power (watts):290
Heartrate (bpm):151
Cadence (rpm):91
Temp (C):18.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):271
5 min Peak Power (watts):264


20 min Peak Power (watts):252


IF:0.764
Left/Right Balance (%):51.1
NP (watts):241
TSS:44
L1 Time in Zone:01:36
L2 Time in Zone:14:22
L3 Time in Zone:29:24
L4 Time in Zone:00:04
L5 Time in Zone:00:00
L6 Time in Zone:00:00
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.014






Garmin Edge 800 + p2m
Totals
Duration:45:24




Work (kJ):629
Elevation Gain (meters):0
Averages


Power (watts):231
Heart Rate (bpm):141
Cadence (rpm):75
Temp (C):19.2
Maximums


Power (watts):274
Heartrate (bpm):151
Cadence (rpm):88
Temp (C):20.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):259
5 min Peak Power (watts):252


20 min Peak Power (watts):243


IF:0.742
Left/Right Balance (%):49.9
NP (watts):234
TSS:42
L1 Time in Zone:01:55
L2 Time in Zone:19:11
L3 Time in Zone:24:18














DAY5: cambio temperatura e meteo, discrepanze rispetto ai trend precedenti, motivi.

Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)


Garmin Edge 510 + Garmin Vector
Totals
Duration:1:33:27
Time Riding:1:32:51
Distance (km):46.75
Work (kJ):1036
Elevation Gain (meters):463
Averages
Speed (kph):30.4
Power (watts):185
Heart Rate (bpm):138
Cadence (rpm):79
Temp (C):13.4
Maximums
Speed (kph):54.7
Power (watts):776
Heartrate (bpm):188
Cadence (rpm):130
Temp (C):17.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):459
5 min Peak Power (watts):388
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):75
20 min Peak Power (watts):284


IF:0.773
Left/Right Balance (%):51.8
NP (watts):243
TSS:93
L1 Time in Zone:00:00
L2 Time in Zone:00:00
L3 Time in Zone:00:00
L4 Time in Zone:00:00
L5 Time in Zone:00:00
L6 Time in Zone:00:00
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.317





Garmin Edge 800 + p2m
Totals
Duration:1:33:24
Time Riding:1:32:49
Distance (km):46.49
Work (kJ):1042
Elevation Gain (meters):467
Averages
Speed (kph):30.2
Power (watts):186
Heart Rate (bpm):138
Cadence (rpm):81
Temp (C):14.5
Maximums
Speed (kph):54.9
Power (watts):681
Heartrate (bpm):188
Cadence (rpm):112
Temp (C):17.0
Metrics*
1 min Peak Power (watts):474
5 min Peak Power (watts):393
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):76
20 min Peak Power (watts):291


IF:0.786
Left/Right Balance (%):51.2
NP (watts):248
TSS:96
L1 Time in Zone:39:22
L2 Time in Zone:27:25
L3 Time in Zone:10:22
L4 Time in Zone:04:53
L5 Time in Zone:06:04
L6 Time in Zone:04:36
L7 Time in Zone:00:42
VI:1.332







Oggi un'uscita tranquilla con prevalenza di Z2 ma con l'inserimento di un tratto di salita previsto sui 10-11'. Calibrazione iniziale come sempre ma non ho svolto alcuna calibrazione dinamica fino alla discesa che è succeduta all'unica salita effettuata. Questo fattore reputo sia cruciale perché si notano delle differenze nel paragone con l'altro strumento proprio tra il prima e il dopo salita (esclusa). Il fatto quindi di avere un dato probabilmente sottostimato e sicuramente non preciso (per mancanza di calibrazione dinamica) ha influenzato anche i valori totali e riassuntivi dell'uscita avendo poi un ritorno a trend di normalità e differenza tra i 2 strumenti immediatamente (ma solo) dopo la discesa ossia dopo il tratto 50-55'. 
Il messaggio da memorizzare è quindi quello di considerare la calibrazione dinamica non una procedura opzionale ma un passaggio da inserire il prima possibile perché cruciale nell'avere dati costanti e precisi sia nella singola uscita e conseguentemente nell'archiviazione e analisi postuma dei file di allenamento.


DAY6: solo Garmin Vector

Totals

Duration:1:32:04
Time Riding:1:32:00
Distance (km):42.01
Work (kJ):945
Elevation Gain (meters):466

Averages

Speed (kph):27.4
Power (watts):171
Heart Rate (bpm):132
Cadence (rpm):75
Temp (C):12.5

Maximums

Speed (kph):51.2
Power (watts):693
Heartrate (bpm):187
Cadence (rpm):114
Temp (C):15.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):446
5 min Peak Power (watts):347
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):68
20 min Peak Power (watts):258
30 min Peak WPK (wpk):3.2
IF:0.751
Left/Right Balance (%):51.0
NP (watts):237
TSS:86
L1 Time in Zone:43:37
L2 Time in Zone:25:51
L3 Time in Zone:06:48
L4 Time in Zone:06:10
L5 Time in Zone:04:37
L6 Time in Zone:04:00
L7 Time in Zone:00:57
VI:1.381
Oggi un'uscita relativamente tranquilla (vd IF) e senza paragone con altro misuratore. Ho inserito solamente 4' a ritmo massimale ma sostenibile/gestibile (390W ossia 6W/Kg tondi tondi) ma con un valore VI negativo, ossia con una flessione nel finale di questo tratto seguito da una maggior tendenza allo sbilanciamento effettivo e reale su arto dx (51%) in linea con una medesima annotazione svolta sulle uscite precedenti.
A tal proposito tengo a precisare alcune osservazioni maturate negli anni con l'utilizzo di strumenti (Wattbike) che permettono un'analisi fine e precisa, ad elevato campionamento dati e con lettura separata di spinta sx-dx: tutti abbiamo una dominanza negli arti inferiori, in misura meno marcata rispetto agli arti superiori ma pur sempre presente. Analizzando la pedalata di diversi atleti in questi anni sono giunto ad una conclusione ossia che esista una variazione dinamica, intensità/reclutamento dipendente, che genera un differente bilanciamento (valore netto 180+180°) nella pedalata. Ossia finchè le intensità sono ridotte (es Z1-2) utilizziamo maggiormente l'arto NON dominate; questa è una scelta inconscia e dettata da un sistema di "autoconservazione" innato nel SNC cioè quello appunto di non utilizzare/preservare il più possibile la funzionalità dell'arto dominate. All'incrementare dell'intensità (o della fatica) si nota infatti che, come lineare risposta ad un maggior reclutamento di unità motorie avvenga un incremento della percentuale di spinta dell'arto dominante (nella discrepanza valore bilanciamento e spesso anche nella compensazione ma questo è valutabile solamente con analisi delle coppie torcenti, step che si rivelerà estremamente utile, se possibile, come opzione futura per i Vector).



DAY7: ritorno con confronto, 3 salite differenti per caratteristiche, interessante lettura del valore bilanciamento

 Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)






 Garmin Edge 510 + Garmin Vector

Totals

Duration:2:23:14
Time Riding:2:19:53
Distance (km):53.80
Work (kJ):1709
Elevation Gain (meters):1546

Averages

Speed (kph):23.1
Power (watts):201
Heart Rate (bpm):150
Cadence (rpm):69
Temp (C):10.1

Maximums

Speed (kph):56.2
Power (watts):660
Heartrate (bpm):188
Cadence (rpm):113
Temp (C):18.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):404
5 min Peak Power (watts):372
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):72
20 min Peak Power (watts):322
30 min Peak WPK (wpk):4.8
IF:0.873
Left/Right Balance (%):49.2
NP (watts):275
TSS:180
L1 Time in Zone:52:24
L2 Time in Zone:19:04
L3 Time in Zone:16:46
L4 Time in Zone:21:52
L5 Time in Zone:22:19
L6 Time in Zone:08:32
L7 Time in Zone:00:50
VI:1.370








Garmin Edge 800 + p2m

Totals

Duration:2:23:12
Time Riding:2:20:10
Distance (km):52.23
Work (kJ):1703
Elevation Gain (meters):1505

Averages

Speed (kph):22.4
Power (watts):200
Heart Rate (bpm):150
Cadence (rpm):71
Temp (C):12.3

Maximums

Speed (kph):60.2
Power (watts):570
Heartrate (bpm):188
Cadence (rpm):109
Temp (C):16.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):412
5 min Peak Power (watts):377
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):73
20 min Peak Power (watts):326
30 min Peak WPK (wpk):4.9
IF:0.876
Left/Right Balance (%):49.9
NP (watts):276
TSS:182
L1 Time in Zone:53:51
L2 Time in Zone:18:34
L3 Time in Zone:15:26
L4 Time in Zone:21:45
L5 Time in Zone:22:54
L6 Time in Zone:08:44
L7 Time in Zone:00:34
VI:1.379

Valori nel complesso molto costanti, basti osservare il valore netto finale di TSS e IF. Nel complesso permane una normale maggior presenza di "dati" differenti da zero nei tratti di "coasting" ossia quando si pedala senza particolare spinta. in questo caso la locazione del sensore (pedale vs guarnitura) crea una differenza con valori presenti appunto nei pedali, che appunto sembrano più sensibili a questi impulsi di lieve carico non "letti" dall'altro misuratore.
Interessante la deriva e variazione del valore di bilanciamento con una tendenza generale di ampliamento del delta sx-dx affaticamento e tempo di salita dipendente (n.b. IF).






DAY8: solo roller e solo Vector




Totals

Duration:48:06




Work (kJ):638
Elevation Gain (meters):0

Averages



Power (watts):221
Heart Rate (bpm):134
Cadence (rpm):78
Temp (C):17.9

Maximums



Power (watts):289
Heartrate (bpm):151
Cadence (rpm):101
Temp (C):18.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):264
5 min Peak Power (watts):255


20 min Peak Power (watts):244
30 min Peak WPK (wpk):3.6
IF:0.724
Left/Right Balance (%):50.7
NP (watts):228
TSS:42
L1 Time in Zone:02:24
L2 Time in Zone:23:19
L3 Time in Zone:22:21
L4 Time in Zone:00:02






VI:1.031


Anche oggi nessun particolare valore o comportamento di rilievo, le 2 pause sono state funzionali alla calibrazione dinamica (5-8 pedalate all'indietro) svolte anche prima della seduta di allenamento. Interessante come la pedalata su roller costringa ad una pedalata sicuramente più controllata e nel complesso bilanciata. Da notare come il (marginale) divario sx-dx sia incrementato dopo prima calibrazione dinamica e stabilizzato dopo l'ultima pausa.




DAY9: solo Vector percorso vallonato con tante micropause, test Cp2' (7,38W/Kg)

 

Garmin Edge 510

Totals

Duration:1:34:19
Time Riding:1:33:51
Distance (km):45.63
Work (kJ):1035
Elevation Gain (meters):425

Averages

Speed (kph):29.2
Power (watts):184
Heart Rate (bpm):138
Cadence (rpm):78
Temp (C):11.3

Maximums

Speed (kph):52.5
Power (watts):835
Heartrate (bpm):189
Cadence (rpm):110
Temp (C):14.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):509
5 min Peak Power (watts):327


20 min Peak Power (watts):225
30 min Peak WPK (wpk):3.2
IF:0.742
Left/Right Balance (%):51.3
NP (watts):234
TSS:86
L1 Time in Zone:37:09
L2 Time in Zone:33:25
L3 Time in Zone:11:56
L4 Time in Zone:05:07
L5 Time in Zone:02:20
L6 Time in Zone:02:49
L7 Time in Zone:01:09
VI:1.273
Prima dei commenti relativi all'uscita, NECESSARI, per poter apprezzare grafici e dati senza affrettate ed errate "interpretazioni" alcune precisazioni su alcuni messaggi, mail e commenti ricevuti a volte superficiali e frettolosi:
- nel passaggio tra il montaggio su una bicicletta ad altra bicicletta ho OVVIAMENTE sempre svolto tutti i passaggi di calibrazione (vd. precedentemente punti 1, 2, 3a e b). Per scrupolo utilizzo anche 2 guarniture identiche. Come si dice dalle mie parti si prega di non "insegnare al prete a dir messa..." ;)
- l'installazione dei pedali avviene con dinamometrica e chiave a zampa di gallo (sì si chiama così in corretto e corrente italiano...); per altro ho notato e, come già precedentemente scritto, che la coppia di serraggio raggiunta "a mano" è stata spesso più che sufficiente a raggiungere le coppie di serraggio ottimali e NECESSARIE per ottenere un valore corretto, soprattutto alla luce del fatto che una differenza di serraggio può effettivamente portare a discrepanze "strumentali" nel valore di bilanciamento
- è FISIOLOGICO e totalmente NORMALE che a determinate intensità a)ci sia una discrepanza di spinta tra gli arti inferiori b)questa possa variare in funzione di intensità/reclutamento muscolare/affaticamento/cadenza, come già scritto in precedenza; evidentemente è sfuggito a qualcuno. Per mia esperienza con Wattbike questa differenza è pienamente fisiologica anche con differenze dell'8% (es. 54-46) nella MIGLIORE delle casistiche ossia nella situazione in cui il bilanciamento NETTO  diviene quanto più ottimale. Come più volte detto, il valore NETTO di bilanciamento è solo una fotografia finale di un valore che può essere compensato ampiamente e portare, per esempio, ad un bilanciamento 50-50 ma totalmente asimmetrico/compensato per curve di applicazione delle coppie nell'input 180+180°. Fasciarsi la testa su questo valore non ha alcun significato né giustificazione fisiologica; approfindire, quando e se sarà possibile, una curva e/o scomposizione vettoriale (da cui il nome Vector) della pedalata sarà il vero parametro di riferimento assieme all'utilizzo di metrics di efficienza. Letture consigliate:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/979569
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10460126
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17369798
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21055708

- il mio (n=1) valore di bilanciamento è coerente con tutti i sistemi in cui questo valore è visualizzabile ed analizzabile: il trend (ma non i valori %, differenti per unità ma perché ovviamente calcolati differentemente) sono similari nel confronto p2m vs Vector. Ossia è presente la tendenza sopra descritta. I valori tra Vector e Wattbike sono praticamente identici sia per trend che ANCHE per valori percentuali (raffrontando intensità e cadenza, non ho ancora svolto un'installazione dei pedali su Wattbike). Questo esclude che ci possano essere MARCATE differenze di errore strumentale/installazione che ovviamente va controllata scrupolosamente.
- scrivo e ribadisco (ormai alla nausea!) che questi  strumenti (= non solo i pedali Vector) hanno necessità di uno scrupoloso/routinario procedimento di calibrazione quotidiana pre allenamento (zeroing, calibrazione dinamica per i Vector).
- il valore ed elemento più importante in un PM è la capacità di riportare costantemente e coerentemente i valori di potenza, e in questo i pedali Garmin, se opportunamente installati e calibrati, non hanno mai dati alcun evidente segnale di difficoltà.

Venendo all'uscita odierna, ho sottolineato che vi siano state molte pause nella pedalata, causa percorso (il valore altimetrico NON può passare come elemento secondario...) e questo ha portato a 2 peculiari caratteristiche evidenziate nei 2 grafici:
1) il pedale, molto più che il sensore montato in altra posizione (posterò altri grafici QA o 3d per confronto) "legge" un numero discretamente superiore di valori in cui si hanno combinazione di BASSO valore cadenza e ALTO valore di forza (nel grafico 3d sopra nelle gradazioni gialle/arancio). Questa "maggior" sensibilità è spesso evidente nelle fasi di ripresa della pedalata, anche solo per poche rivoluzioni - e 2) qui si vedono i picchi, specie sx nel grafico generale- così come nelle fasi di "coasting" ossia con ampia gamma di cadenza ma bassissimi livelli di forza applicata. Cosa comporta questo? Che una tendenza all'utilizzo dell'arto non dominante (n=1, io= sx, la cosiddetta "driving leg") nell'input iniziale di questa fasi porti...ad un maggior numero di picchi 100% sx e come conseguenza ad innalzare il valore medio finale del bilanciamento su un arto rispetto all'altro. Questo aspetto è evidente e palese a basse intensità. Nelle fasi di >Z1 non ho mai comunque superato una differenza massima 56-44% con un andamento che tende a "bilanciarsi" con l'incremento delle intensità .


DAY10:uscita con foratura, dati relativi solamente alla prima salita
 

Garmin Edge 510 + Garmin Vector (solo salita)




Garmin Edge 510 + Garmin Vector (uscita con pausa sostituzione bici= travaso guarnitura e il Garmin 800 è rimasto su altra bici)

Totals

Duration:1:48:48
Time Riding:1:40:10
Distance (km):48.48
Work (kJ):1131
Elevation Gain (meters):445

Averages

Speed (kph):29.1
Power (watts):182
Heart Rate (bpm):0
Cadence (rpm):77
Temp (C):15.9

Maximums

Speed (kph):54.2
Power (watts):764
Heartrate (bpm):0
Cadence (rpm):123
Temp (C):18.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):440
5 min Peak Power (watts):369
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):72
20 min Peak Power (watts):267
30 min Peak WPK (wpk):3.1
IF:0.779
Left/Right Balance (%):51.5
NP (watts):245
TSS:105
L1 Time in Zone:40:53
L2 Time in Zone:31:07
L3 Time in Zone:10:13
L4 Time in Zone:09:06
L5 Time in Zone:06:57
L6 Time in Zone:04:24
L7 Time in Zone:00:52
VI:1.348










DAY11:uscita tranquilla in prevalenza di Z2

Andamento generale ancora molto simile come poi confermano anche i valori TSS e IF.
La comparazione del plot 3d potenza/cadenza conferma, se ve ne fosse bisogno, quanto scritto nei gg precedenti con il sistema garmin molto più sensibile a impulsi di bassa cadenza/bassa forza ("coasting"), vd presenza di questi valori nella colarazione rosso/arancio nel grafico. Tale presenza tende add innalzare il valore totale finale di bilanciamento ma non influisce sulla coerenza e ripetibilità del dato.

 Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)





Garmin Edge 510 + Garmin Vector

Totals

Duration:1:45:59
Time Riding:1:45:05
Distance (km):53.43
Work (kJ):1147
Elevation Gain (meters):130

Averages

Speed (kph):30.7
Power (watts):181
Heart Rate (bpm):123
Cadence (rpm):78
Temp (C):13.6

Maximums

Speed (kph):42.8
Power (watts):483
Heartrate (bpm):149
Cadence (rpm):106
Temp (C):15.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):288
5 min Peak Power (watts):225
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):45
20 min Peak Power (watts):203
30 min Peak WPK (wpk):3.0
IF:0.623
Left/Right Balance (%):51.2
NP (watts):196
TSS:68
L1 Time in Zone:37:02
L2 Time in Zone:51:17
L3 Time in Zone:11:00
L4 Time in Zone:03:36
L5 Time in Zone:02:13
L6 Time in Zone:00:20
L7 Time in Zone:00:02
VI:1.082

 

 

 

 

Garmin Edge 800 + p2m

Totals

Duration:1:45:58
Time Riding:1:45:04
Distance (km):53.47
Work (kJ):1152
Elevation Gain (meters):110

Averages

Speed (kph):30.6
Power (watts):181
Heart Rate (bpm):123
Cadence (rpm):80
Temp (C):14.9

Maximums

Speed (kph):40.7
Power (watts):492
Heartrate (bpm):149
Cadence (rpm):106
Temp (C):17.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):291
5 min Peak Power (watts):222
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):44
20 min Peak Power (watts):200
30 min Peak WPK (wpk):3.0
IF:0.624
Left/Right Balance (%):50.1
NP (watts):197
TSS:69
L1 Time in Zone:36:14
L2 Time in Zone:53:37
L3 Time in Zone:09:56
L4 Time in Zone:04:29
L5 Time in Zone:01:24
L6 Time in Zone:00:15
L7 Time in Zone:00:03
VI:1.085




   


DAY12: 2x20' @ SST (~90% FTP)

 Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)




Garmin Edge 510 + Garmin Vector

Totals

Duration:1:25:17
Time Riding:1:23:08
Distance (km):36.19
Work (kJ):968
Elevation Gain (meters):777

Averages

Speed (kph):26.2
Power (watts):189
Heart Rate (bpm):140
Cadence (rpm):73
Temp (C):10.1

Maximums

Speed (kph):51.8
Power (watts):481
Heartrate (bpm):173
Cadence (rpm):104
Temp (C):14.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):337
5 min Peak Power (watts):302
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):59
20 min Peak Power (watts):288
30 min Peak WPK (wpk):3.9
IF:0.779
Left/Right Balance (%):51.1
NP (watts):245
TSS:86
L1 Time in Zone:29:11
L2 Time in Zone:15:10
L3 Time in Zone:16:56
L4 Time in Zone:19:59
L5 Time in Zone:03:10
L6 Time in Zone:00:50
L7 Time in Zone:00:01
VI:1.298



Garmin Edge 800 + p2m

Totals

Duration:1:00:09
Time Riding:00:00
Distance (km):0.00
Work (kJ):871
Elevation Gain (meters):3

Averages

Speed (kph):0.0
Power (watts):241
Heart Rate (bpm):154
Cadence (rpm):79
Temp (C):16.8

Maximums

Speed (kph):0.0
Power (watts):343
Heartrate (bpm):175
Cadence (rpm):95
Temp (C):17.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):287
5 min Peak Power (watts):278
Estimated VO2MAX (ml/min/kg):55
20 min Peak Power (watts):269
30 min Peak WPK (wpk):4.1
IF:0.790
Left/Right Balance (%):49.6
NP (watts):249
TSS:62
L1 Time in Zone:01:49
L2 Time in Zone:18:33
L3 Time in Zone:37:58
L4 Time in Zone:01:47
L5 Time in Zone:00:02
L6 Time in Zone:00:00
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.031
DAY13: trainer, Z3 "sul" Teide


 Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)


Garmin Edge 510 + Garmin Vector

Totals

Duration:1:00:09




Work (kJ):871


Averages



Power (watts):241
Heart Rate (bpm):154
Cadence (rpm):78
Temp (C):16.5

Maximums



Power (watts):335
Heartrate (bpm):175
Cadence (rpm):95
Temp (C):17.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):289
5 min Peak Power (watts):278


20 min Peak Power (watts):268
30 min Peak WPK (wpk):4.1
IF:0.790
Left/Right Balance (%):53.3
NP (watts):249
TSS:63
L1 Time in Zone:01:51
L2 Time in Zone:18:51
L3 Time in Zone:36:34
L4 Time in Zone:02:52
L5 Time in Zone:00:01
L6 Time in Zone:00:00
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.030



Garmin Edge 800 + p2m

Totals

Duration:1:00:09




Work (kJ):871


Averages



Power (watts):241
Heart Rate (bpm):154
Cadence (rpm):79
Temp (C):16.8

Maximums



Power (watts):343
Heartrate (bpm):175
Cadence (rpm):95
Temp (C):17.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):287
5 min Peak Power (watts):278


20 min Peak Power (watts):269
30 min Peak WPK (wpk):4.1
IF:0.790
Left/Right Balance (%):49.6
NP (watts):249
TSS:62
L1 Time in Zone:01:49
L2 Time in Zone:18:33
L3 Time in Zone:37:58
L4 Time in Zone:01:47
L5 Time in Zone:00:02
L6 Time in Zone:00:00
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.031



DAY14: trainer, Z3 riscaldamento + Stelvio

Comparazione in overlay del dato potenza Vector (BLU) e p2m (ROSSO)

Latenza tra le 2 traccie dovuta ad una involontaria pausa nella registrazione , l'overlay risulta quindi leggermente asincronizzato nella seconda metà tracciato/i








Garmin Edge 510 + Garmin Vector

Totals

Duration:1:17:31




Work (kJ):1101


Averages



Power (watts):252
Heart Rate (bpm):157
Cadence (rpm):78
Temp (C):16.4

Maximums



Power (watts):463
Heartrate (bpm):175
Cadence (rpm):120
Temp (C):19.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):324
5 min Peak Power (watts):277


20 min Peak Power (watts):263
30 min Peak WPK (wpk):4.1
IF:0.820
Left/Right Balance (%):52.8
NP (watts):258
TSS:82
L1 Time in Zone:05:52
L2 Time in Zone:12:05
L3 Time in Zone:40:39
L4 Time in Zone:11:59
L5 Time in Zone:02:05
L6 Time in Zone:00:08
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.025



Garmin Edge 800 + p2m

Totals

Duration:1:17:34




Work (kJ):1098


Averages



Power (watts):250
Heart Rate (bpm):157
Cadence (rpm):79
Temp (C):16.3

Maximums



Power (watts):430
Heartrate (bpm):175
Cadence (rpm):120
Temp (C):17.0

Metrics*

1 min Peak Power (watts):327
5 min Peak Power (watts):278


20 min Peak Power (watts):261
30 min Peak WPK (wpk):4.0
IF:0.815
Left/Right Balance (%):49.8
NP (watts):257
TSS:81
L1 Time in Zone:05:05
L2 Time in Zone:13:12
L3 Time in Zone:43:02
L4 Time in Zone:09:13
L5 Time in Zone:02:20
L6 Time in Zone:00:13
L7 Time in Zone:00:00
VI:1.025




PRO E CONTRO
eventualmente nel tempo ne emergeranno altri:


PRO
* modularità del prodotto, ossia il grosso importo della spesa è nel perno, nella tecnologia in esso incluso e nella ricerca e sviluppo che ha portato al completamento del prodotto. I singoli corpi pedale e i pod sono però sostituibili e a prezzi del tutto onesti: PEDALI e POD.
Sinceramente in una situazione in cui ANCHE un perno pedale (incluso e parzialmente protetto dal corpo pedale stesso) fosse dannaggiato/rotto...penso che i problemi dopo un tale schianto sarebbero ben altri rispetto alla perdita o danneggiamento di un misuratore di potenza!
* batterie Cr2032 facilmente reperibili ovunque (per sicurezza ne ho acquistato un blister da 30, ebay qui è imbattibile, ~0,50€/cad): a differenza infatti di altri prodotti non è indifferente il vantaggio di poter trovare facilmente e quasi ovunque la/e batteria/e necessaria/e senza perdite di tempo ed essendo in un formato largamente diffuso anche a prezzi esigui.
* il sistema si può montare su molte pedivelle anche se non tutte
* è facilmente montabile e smontabile anche se personalmente è più veloce e immediato, se il movimeno/guarnitura richiede solo 1 o 2 strumenti,  trasferire l'intera guarnitura così da non dover operare ricalibrazioni (vd contro)
* niente magneti o sensori extra
* valido pedale e sistema di aggancio collaudato e con tacchette facilmente reperibili

CONTRO
* il prezzo ancora elevato del prodotto ma è in parte comprensibile la necessità di colmare gli investimenti di questi anni sul prodotto
* al momento i pod non sono compatibili con tutte le pedivelle
*opzionale ma consigliato l'uso di dinamometrica e zampa di gallo (15mm) per corretta coppia di serraggio. N.B. la coppia di serraggio in sè non è un problema anche senza dinamometrica ma è importante per avere una coppia di serraggio UGUALE tra i 2 pedali e non avere differenze in questo parametro
* necessità di passare ad un sistema di pedale a cui probabilmente non si è abituati e/o non si ha confidenza, nulla di particolarmente grave ma i ciclisti se si fissano su un aspetto tecnico (come una marca/modello di pedale) possono essere molto testardi...
* richiede un passaggio aggiuntivo nella calibrazione rispetto ad altri misuratori potenza, nulla però di eccessivamente fastidioso anche se correttamente andrebbe svolta su ulteriori passaggi che riporto in originale (fonte Wattage):
after installation ride your bike and do a few short but relatively strong sprints to settle the pedals. Then you need to set the pedal installation: remove the batteries from each pedal pod for at least 10 secs then replace and ride again pedalling smoothly up to about 80 rpm. This is best done on a turbo. Depending on the Garmin unit you use you will either be walked through the process or just see power readout once it has completed. Once this is done you can perform a static calibration while not clipped in and/or a dynamic calibration by pedalling backwards about 8 times during a ride.
If you move or re tighten your pedals you must re initialise your pedals by repeating the above.
In pratica viene consigliata questa procedura, prima del settaggio dell'angolo/i di installazione:
- eseguire degli sprint per "assestare" la chiusura dei pedali
- rimuovere il coperchio (e annessa) batteria da entrambe i pedali per almeno 10''
Quindi iniziare la calibrazione angoli di installazione, a seguire calibrazione statica + opzionale ma SEMPRE consigliata calibraione dinamica


F.A.Q.
Q Sono compatibili con qualunque pedivella? 
A Il limite attuale è che il "pod", ossia il trasmettitore/antenna, si può montare su pedivelle di larghezza MASSIMA 38mm e 15mm di spessore. Tale limitazione potrebbe essere superata in futuro se la richiesta di alloggiamento su differenti pedivelle fosse ritenuta "interessante" da chi produce. Uno dei punti di forza del sistema è la flessibilità/modularità tra pedale e pod, non si esclude infatti a breve la possibilità appunto di nuovi pod.

Q Consigliavi su bdc in caso di utilizzo su due bici di sostituire guarnitura completamente piuttosto che i soli pedali onde evitare ogni volta di "ricalibrarli". Un dubbio : quanto è complicato fare questa ultima operazione ? (visto che smontare e rimontare la guarnitura per un non esperto è troppo difficile)
A Domani (DAY1) procedo a calibrazione e so dirti quanti minuti sono necessari. Smontare certe guarniture (Shimano, Sram) è spesso un'operazione MOLTO veloce perché richiede solo una chiave a brugola, per altri modelli non vale questa opzione.

Q Compatibilità con tacchette Look keo?
A Totale, sto utilizzando tacchette Keo grip (grigie) senza alcun problema.  





TEST/ANALISI DI RIFERIMENTO:
 
massarob.info Copyright © 2009 Blogger Template Designed by Bie Blogger Template