massarob.info

5 luglio 2020

Training Club 2020

13:30
Training Club 2020

19 marzo 2020

ELEMENTI DA CONSIDERARE E BENEFICI DELL’ATTIVITA’ INDOOR

16:29
ELEMENTI DA CONSIDERARE E BENEFICI DELL’ATTIVITA’ INDOOR

In questo periodo particolare in cui, ancor prima delle restrizioni era logico, buon senso e segno di civiltà ridurre le uscite non necessarie (quindi trasferimenti senza utilità lavorativa o per esigenze di salute), tutte l’attività “ciclistiche” sono inevitabilmente su rulli, ergometri o strumentazione similare.
Oltre a inevitabili e prevedibili risultati sul mercato di queste attrezzature (LINK) molte persone ora si sono riversate su piattaforme come Zwift, Rouvy, RGT, BigringVR ecc ecc.
Scoprendo forse l’acqua calda (o in inverno…allenamenti senza congelarsi).
Conscio dei costi/benefici di questa scelta, elementi trattati in un articolo scritto anni fa (LINK) sono anni che, personalmente, l’80-90%* dei miei allenamenti da ottobre a febbraio si svolgono indoor.
*regolina semplice che indicavo anche nei programmi di allenamento: “non riceverai nessuna medaglia per esserti allenato a temperature polari in inverno. La mia “regola”, ma sei libero di non applicarla, è che a temperature < 5° l’attività passa direttamente indoor.”
Come esempio, da quando Zwift era ancora in fase di beta test e c’era così poca gente che venivano inseriti “bot” pedalatori -contro i picchi attuali di 15+ mila persone online contemporaneamente- ho pedalato SOLO su questa piattaforma per quasi 18mila Km e oltre 500 ore. Ovviamente in questi anni non ho utilizzato solo questa piattaforma.




Oltre ai punti dell’articolo sopra indicato elencherò altri aspetti da considerare in questa situazione di prolungata (per chi già prima rullava) o nuova fase di allenamento indoor. Questo articolo quindi non sostituisce ma integra il precedente, sia pure datato.


ADATTAMENTO, la parola e concetto chiave

Le differenze tra una pedalata all’aperto rispetto al “chiuso” sono ovviamente sempre presenti e richiedono un adattamento. E’ del tutto logico e normale, ANCHE per chi ha interrotto l’attività indoor da poche settimane, prevedere un riadattamento o nuovo adattamento che richiederà 5-7 sessioni di almeno 1h-1h30 ciascuna. Questo volume di tempo cumulativo E continuativo è essenzialmente necessario per creare risposte e successivi adattamenti (somma continuativa e non saltuaria di risposte) che riguardano 3 aspetti, non disgiunti tra loro:
Termoregolazione, sudorazione e incremento dei volumi plasmatici.
Il primo aspetto riguarda una variabile che possiamo anche controllare: si devono ovviamente evitare temperature eccessive che incrementano lo stress termico ricordando che, sempre dal materiale che fornivo:
in caso di allenamento indoor cerca di svolgere queste sedute a temperature ottimali per l’attività aerobica prolungata ossia tra un minimo di 12-13° ed un massimo di 18-19°. La ventilazione statica (es. finestre aperte) non può essere sufficiente, in particolare in allenamenti più intensi, ad un’ottimale dispersione termica (pedalare a 250W per un’ora significa generare -dissipando- l’equivalente in calore di 750Wh).”





Va ricordato infatti che la nostra attività del pedalare ha un’efficienza energetica del ~25% (comunque alta/superiore rispetto ad altri gesti, es. correre). Ossia per X quantità di energia chimica ossidata/utilizzata “solo” ¼ diventa lavoro meccanico (potenza*tempo) mentre ¾ di questa energia si disperde in calore.
Questo principio ed effetto è, per esempio, ancora più evidente ma del tutto sovrapponibile in attività dove il rapporto tra energia chimica ossidata e lavoro è ancora meno efficiente e vi è quindi una maggiore dispersione di calore (es. nella corsa, fattore critico per identificare valori ottimali per esempio nei recenti record sulla maratona: https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0037407  o, concetto più banale, il motivo per cui correndo ci si “scalda” maggiormente che in altre attività motorie).
E’ quindi fondamentale mantenere temperature che agevolino la dispersione termica per “convezione” con il fluido “aria”. La sola staticità del fluido (finestra aperta) non è comunque sufficiente viste le quantità di calore dissipato in gioco. E’ necessario provvedere anche con una ventilazione forzata che dovrà essere proporzionale ai valori di potenza (e quindi di calore da dissipare) che generiamo. Tali valori sono a loro volta correlati alle intensità: sessioni più impegnative potrebbero richiedere anche più di un ventilatore o una maggiore velocità del flusso d’aria da questo/i generato.

A queste indicazioni vi possono essere e vi sono particolari eccezioni di adattamento SE, dopo un adeguato adattamento, si vuole inserire uno stressor termico per incrementare i volumi plasmatici (
https://www.outsideonline.com/2098556/surprising-benefits-training-heat)
Questo deve però rappresentare l’eccezionalità e non la “regola”.
Di base vanno quindi mantenute temperature ideali e ventilazione che permettano all’ IMPORTANTISSIMO sistema di sudorazione di svolgere il proprio compito.

Dal libro “Breve storia del Corpo Umano”:
Le ghiandole sudoripare […] sono di gran lunga più importanti. Magari non ce ne rendiamo conto, ma il sudore è per noi un elemento cruciale. Come dice Nina Jablonski: «È il semplice e tutt’altro che incantevole sudore ad averci reso quello che siamo oggi». Gli scimpanzé hanno solo la metà delle nostre ghiandole sudoripare, quindi non possono disperdere il calore con altrettanta rapidità. La maggior parte dei quadrupedi si rinfresca ansimando, operazione incompatibile con una corsa sostenuta specie nel caso delle creature pelose che vivono in climi caldi. Molto meglio fare come noi e trasudare acqua dalla pelle, che raffredda il corpo mentre evapora rendendoci condizionatori viventi. Secondo Jablonski, «La perdita del grosso dei peli e l’acquisto della capacità di disperdere il calore in eccesso tramite la sudorazione eccrina ha reso possibile il notevole sviluppo del nostro organo più sensibile alla temperatura, il cervello». Ecco come il sudore ci ha aiutato a diventare intelligenti. Pur sudando persino a riposo, anche se molto meno, durante un’attività intensa o in condizioni difficili esauriamo le nostre scorte d’acqua piuttosto in fretta.
Come scrive Peter Stark nel suo libro ‘All’ultimo respiro. Storie ai limiti della sopravvivenza’, un uomo di settanta chili contiene poco più di quaranta litri d’acqua. Se resta seduto senza far nulla ne perde circa uno e mezzo al giorno tramite sudore, respirazione e minzione. Se invece fa uno sforzo può consumarne un litro e mezzo all’ora, situazione che può diventare pericolosa. In condizioni estreme – camminando sotto un sole violento, per esempio – si possono facilmente perdere dai dieci ai dodici litri d’acqua in un giorno. Ecco perché se fa caldo dobbiamo mantenerci idratati. A meno che la perdita non venga arrestata o reintegrata insorgono mal di testa e letargia dopo appena tre-cinque litri di liquidi consumati. Dopo sei o sette aumenta la probabilità che si manifesti un problema cerebrale (come avviene agli escursionisti disidratati, che abbandonano il sentiero e vagano nel bosco). Se un uomo di settanta chili perde oltre dieci litri d’acqua rischia collasso cardiocircolatorio e morte. Durante la Seconda guerra mondiale gli scienziati studiarono la resistenza dei soldati durante la marcia in un deserto senz’acqua (ipotizzando che prima fossero stati adeguatamente idratati) e conclusero che avrebbero potuto percorrere 70 chilometri con 26 gradi, 24 con 37 e appena 11 con 48. Il sudore è composto per il 99,5 per cento di acqua. Il resto è per metà sale e per metà altre sostanze chimiche. Sebbene il sale sia quindi una minuscola componente, quando fa caldo se ne possono perdere fino a dodici grammi – tre cucchiaini – al giorno, una quantità pericolosamente alta che va reintegrata al pari dell’acqua.
Perché questa lunga introduzione sulla sudorazione? Perché troppo spesso ne sottostimiamo funzionalità e utilità.
Per svolgere il proprio compito di dispersione di calore deve essere ridotta al minimo la sua dispersione a terra: la pozza di sudore a terra, al pari dell’uscita sotto zero, non è sinonimo di bravura o vi porterà ad alcuna medaglia. Rappresenta invece semplicemente una quantità di sudore/acqua NON utilizzata per contenere l’incremento di temperatura corporea. Quella quota di sudore, NON evaporando, non ha svolto il suo compito. L’adattamento sopra indicato induce anche una autoregolazione in questi termini ossia a parità di calore si tenderà ad avere una risposta nella sudorazione più veloce (senza, generalmente, un incremento di volume) rispetto ad un soggetto non adattato. Questo implica una miglior capacità di termoregolazione e soprattutto una riduzione nella percezione (RPE) di difficoltà a parità di sforzo.

Il terzo aspetto riguarda un adattamento non periferico/superficiale e quindi non visibile ma che possiamo riscontrare osservando per esempio il battito cardiaco sotto sforzo: con l’adattamento questo parametro si ridurrà a parità di intensità e lavoro (potenza*tempo).
Perché avviene questo adattamento? Dalla raccolta di articoli di Seiler in “Exercise Physiology”
This adaptation is quite rapid, and helps explain why VO2 max is significantly increased after only 1 week of training in previously sedentary subjects. This blood volume expansion is also rapidly lost (3-7 days) with inactivity. The increased blood volume is due to both an increase in blood plasma and an increase in red blood cells. However, the plasma volume change is slightly greater so that blood hematocrit is slightly reduced with training (exercise pseudoanemia).

Queste risposte e quindi il loro sommarsi generano questo adattamento in situazioni di “normo” temperature, uno stressor esterno come l’incremento della temperatura per effetto di quella ambientale “al coperto” ne velocizza semplicemente l’effetto. Lo stesso effetto e principio è stato esplicitato anche nel già precedentemente citato articolo: https://www.outsideonline.com/2098556/surprising-benefits-training-heat.

La somma di questi adattamenti, e conoscerne cause/effetti costi/benefici, inducono sicuramente nel computo generale dei benefici puramente fisologici.
Un aspetto importante che personalmente ho riscontrato nelle sessioni indoor, soprattutto se particolarmente intense, riguarda quello che generalmente potremmo ancora chiamare come Central Governor (LINK).
A parità di intensità, rimane più elevata, sia pure marginalmente anche con i dovuti adattamenti, la percezione dello sforzo ma questo “allenamento” genera poi dei cambiamenti, in positivo, quando si tratta di trasporre queste intensità e gestione della fatica (percepita e “reale”) anche su strada.
Uno degli elementi più importanti che mi ha permesso anche questi risultati negli ultimi anni (LINK18LINK19) è indubbiamente anche l’aspetto mentale/psicologico di gestione della fatica allenata in situazioni indoor. Un “click” mentale che potrei banalmente descrivere come il “stai facendo fatica ma ti ricordi a novembre-dicembre-gennaio-febbraio sui rulli come stavi ‘facendo’ la stessa fatica se non di più!?”. Non scherzo dicendo, come ho fatto più volte, che certe sessioni/eventi/”gare” indoor sono brutalmente più intense e ostiche di certe gare “vere”. Ovviamente questa “dose” di intensità, come ogni carico allenante, per essere proficua deve seguire una logica di progressività, distribuzione e sostenibilità (recuperi).

In quest’ottica, e tornando agli aspetti fisiologici, non va quindi assolutamente sottovalutato l’aspetto nutrizionale e alimentare. Spesso critico e sottovalutato per le sessioni “all’aperto”, ancora di più può essere un problema per quelle “indoor.”
Vanno rispettate tutte le indicazioni e suggerimenti tipici dell’attività outdoor sia per quanto riguarda l’assunzione di carboidrati che a maggior ragione per la parte liquida/acqua.



Come esempio puramente pratico cerco di consumare ALMENO 750mL di acqua con 60-90g carboidrati (60g se solo maltodestrine, 90g se con aggiunta di 30g fruttosio) ogni 60-90 minuti.
Per eventi superiori alle 2h inserisco sempre anche cibo solido come frutta secca o banane (no barrette o gel si ha la comodità e praticità di avere supporti su cui appoggiare qualsiasi cosa).
Presi in considerazione questi punti possiamo dire quindi che l’attività indoor, se correttamente strutturata (ma questo non è esente nemmeno da quella outdoor/”tradizionale”…) rappresenta non solo una valida alternativa ma anzi un elemento di ottimizzazione del carico.

Infatti anche altri sono i fattori positivi, elencandoli senza approfondirli:
-         - Miglior rapporto tempo effettivo di allenamento/tempo totale: si riducono notevolmente i tempi morti. Non solo nelle fasi pedalate ma spesso, soprattutto nei periodi invernali, nelle fasi di vestizione/svestizione. Personalmente ho una bici sempre dedicata al rullo, in questo modo l’unica aggiunta di tempo morto è l’avvio del programma/applicazione che vorrò utilizzare (!)
-         - Sui rulli non piove, non fa freddo: minori rischi di ammalarsi o ancor peggio di cadere. Sono cose banalissime ma forse è sempre meglio ribadirle.
-         - Non vi sono rotonde, discese, traffico: ridurre il rischio dato da questi elementi soprattutto in situazioni di minor visibilità (o sole molto basso in certi orari/fasi dell’anno) è un bonus non secondario.
-         - Ti puoi allenare ovunque, all’orario che vuoi. Mi capita spesso di avere giornate piene per impegni scolastici. Situazione in cui posso tranquillamente usare i rulli indipendentemente che siano le 6 del mattino o le 20.
-         - Si può allenare la tecnica di pedalata. Per esempio utilizzando le sessioni più blande per allenarsi sui rulli “liberi” (rollers). Decade quindi anche il falso mito che allenarsi indoor rende meno tecnici. Ci si può focalizzare sulla tecnica di pedalata, quella di guida può essere ripresa in altri momenti dell’anno.
-         - I rulli non sono più noiosi: ci sono decine di alternative (software/app) per rendere questa attività più piacevole ma anche redditizia. Sta solo a noi impegnarci per fare uno sforzo puramente mentale nell’uscire da preconcetti e chiusure.
Questo però andrebbe fatto, sempre e a prescindere.

4 febbraio 2020

GARE 2020

22:44
GARE 2020
Zwift (gennaio)

16 febbraio, Duathlon (quest'anno niente frazione sci alpinismo) Valle di Saviore
Primo in coppia con Giuseppe Antonini (frazione corsa) 
 


 


Zwift (febbraio+Zwift MF marzo)



Zwift (marzo)
*23/3 con problema rullo zero resistenza/perdita canale FE-C


3 febbraio 2020

Metrics avanzati pedalata: possibili usi e funzionalità. Diario personale su alcune prove.

18:31
Metrics avanzati pedalata: possibili usi e funzionalità. Diario personale su alcune prove.
I pedali con misuratore (e solo i pedali) che fungono essenzialmente come due separati misuratori per lato permettono, con la loro diffusione, una raccolta dati ancora più vasta anche se parzialmente inesplorata rispetto ad altri strumenti di questa tipologia e famiglia.
Bilanciamento, fluidità/uniformità, efficienza coppia torcente sono metrics aggiuntivi dal buon potenziale se utilizzati "cum grano salis": solo ciò che viene misurato, infatti, può essere analizzato.
Qui vi sono i riferimenti più sintetici e/o completi su questi metrics per cui non mi dilungherò su questi aspetti:
https://cycling.favero.com/it/blog/tech-tests/data-measured-favero-assioma
https://www.cyclinganalytics.com/blog/2014/04/torque-effectiveness-and-pedal-smoothness

A questi si aggiungono le interessanti evoluzioni (utilizzando rapporti e proporzioni tra i precedenti metrics) che hanno generato con WKO4 nuovi riferimenti aggiuntivi come GPR, GPA e MEPF, tutti qui esposti  https://irp-cdn.multiscreensite.com/dc479d29/files/uploaded/WKO4%20Pedaling%20Metrics.pdf
Altro articolo esaustivo su questi metrics aggiuntivi in questo articolo: https://sparecycles.blog/2018/07/05/investigating-power-asymmetry/

Proprio da quest'ultimo articolo sono partito per implementare questi metrics aggiuntivi in GoldenCheetah e poter quindi andare oltre i soli valori bilanciamento, uniformità, efficienza.

Un articolo, il mio, che sarà più sotto forma di diario, "discussione aperta" e analisi di quanto svolto nella consapevolezza di avere, anche nel percepito/propriocettivo una lieve (realmente lieve? se sì in che entità? ... "solo quanto è misurato può essere analizzato") discrepanza sui valori di spinta sx/dx sempre considerando che a) il valore di bilanciamento è solo un valore grezzo generale (GPR e GPA sono essenziali per comprendere questa intricata differenza) b) il bilanciamento è un valore DINAMICO influenzato da reclutamento muscolare (vd legge di Henneman) e quindi intensità e secondariamente da altri elementi quali cadenza, affaticamento muscolare, deplezione glicogena ecc ecc.
Questo a parità di assetto biomeccanico in sella. Il corpo umano è una macchina pressoché perfetta e funzionalmente asimmetrica, la bicicletta ed in particolare il pedalare vincolati a 2 leve ci impone una simmetria forzata con compensazioni e appunto modifiche dinamiche legate a questa dicotomia.
Generalizzando si può dire che esiste un arto "guida" e un arto "dominante" ma questa dominanza non è sempre presente e costante. Sempre la perfezione del corpo umano ci ha "lasciato" compensazioni e meccanismi di difesa e "preservazione" per situazioni di maggior esigenza/carico/necessità.
Nel pedalare questo si traduce nella possibilità di osservare una dominanza dell'arto "guida" ma più "debole" a basse intensità e minor reclutamento per poi arrivare ad un incremento nel reclutamento dell'arto dominante più ci si avvicina alla "saturazione" di reclutamento delle fibre ossidative (in prossimità di ~Critical Power): in soggetti senza problemi biomeccanici e/o neuromuscolari evidenti e conclamati è spesso visibile un bilanciamento o maggior vicinanza nei valori di solo bilanciamento grezzo (vd premessa) a queste intensità. Superato questo valore e passando ad un maggior reclutamento anche delle fibre glicolitiche/veloci si può assistere ad una stabilizzazione dei valori di bilanciamento grezzo se non addirittura ad una inversione rispetto ai valori visibili a (più) basse intensità. Una specie di "chiasma" (a forma di x) del reclutamento e bilanciamento centrato approssimativamente sul valore di CP.

Nella prossima prosecuzione dell'articolo le prime osservazioni e considerazioni su questi dati raccolti:
 





  
 




 
 






24 marzo 2019

GARE 2019

17:12
GARE 2019
Zwift gennaio-febbraio-marzo
----

24/3, Malonno Loritto (da Cornola)
classifica unica 2°


Distacco su gruppetto 3,4,5°
1'50'', delta ~9.5%

------

20/4 gara FCI Sotto il Monte Giovanni XXIII
3° assoluto, 1° categoria

Intera gara


Dati 5' salita finale
  
------

27/4 gara ACSI Albino-Colle Gallo
2° assoluto, 1° categoria

dettaglio 13' finali salita effettiva dopo falsopiano iniziale
13' @ 377W/63Kg


-----

 1/5 FCI Pisogne-Val Palot
1° assoluto



Video arrivo:



solo salita "effettiva" (cartello Val Palot)


salita+falsopiano arrivo


------

GF Gimondi, percorso unico (corto) causa maltempo: vento, pioggia e neve
11° ass, 4° tempo real time, 1° M2
 2h31m47'' @ 290NP, 63 Kg, più che probabile sottostima (1-2%?) per calo temperatura dopo calibrazione iniziale

----

19/5 ACSI Cronoscalata individuale Grumello-Gandosso
1° assoluto



----

25/5 ACSI Cronoscalata individuale Gazzaniga-Orezzo (nuovo percorso)
1° assoluto



------

1/6, ACSI Nembro-Selvino
2° assoluto, 1° categoria





----
8/6, Loda Tour CSI Brescia-Maddalena
1° assoluto








----
9/6, gara MTB 6 ore di Tignale/Endurance sul Garda con Cristian Vaira,
1° team a coppie, secondi assoluti davanti a noi solo un team da 3










----
23/6, campionato Italiano ACSI Salita (cronometro) Artogne - Montecampione
1° di categoria, 2° assoluto
 

 
 
 

 

----
30/6, campionato Italiano ACSI MTB Salita* (cronometro) Borno -Altissimo
2° assoluto, seconda maglia ACSI 2019

*con quasi 1/3 sul percorso totale in discesa...diciamo quasi salita ;)

 
 
 
 

 



----
6/7, Loda Tour CSI Salita Nave-Coste
1° assoluto




fonte video Zito V.

----
27/7,  ACSI Salita Casazza-Colle Gallo
2° assoluto, 1° cat. (prima tappa 2 giorni orobica)
 

----
28/7,  ACSI Salita Grone-Colli S.Fermo
6° assoluto, 3° cat., vincitore 2 giorni orobica




----
3/8, Loda Tour CSI Salita Maniva-radar Dosso dei Galli
4° assoluto, 2° cat.





----
17/8, ACSI Salita Nembro-Lonno 
3° assoluto, 1° cat.

VIDEO

----
8/9,  FCI Salita Castione della Presolana-Monte Pora 
1° assoluto


----
14/9, Loda Tour CSI Salita Maddalena  
1° assoluto (bis con giugno)







 


----
22/9, FCI Berzo-Crocedomini (arrivo loc. Campolaro)  
2° assoluto, 2° categoria (volata a 4)





----
28/9, Loda Tour CSI Salita Nave-Coste (II)
3° assoluto, 2° categoria



Vincitore Loda Tour Categoria M2
Vincitore Assoluto 3di6 gare Loda Tour 2019 (Maddalena, Coste, Maddalena)

----
5/10, ACSI Sorisole-Berbenno (partenza piede a terra dopo Almenno S.B.)
4° assoluto, 1° categoria


----
13/10, CSI cronometro individuale Lumezzane (partenza Acciaierie venete, arrivo palafiera)
1° assoluto


----
20/10, FCI Demo-Loa (nuovo percorso)
3° assoluto, 1° categoria


 
 

----
27/10, Brescia-Maddalena (org. Odolese)
3° assoluto, 1° categoria
 


 

 
 
 
 
 
 

Gare/Eventi con "classifica" su Zwift, Novembre
[risultato, data, nome, W/Kg medi, W medi, NP, W/Kg 20', W/Kg 5', W/Kg 1', W/Kg 15'', FC med, FC max, altezza, distanza]

Gare/Eventi con "classifica" su Zwift, Dicembre


--------------------
SINTESI RISULTATI